Login

Lost your password?
Don't have an account? Sign Up

Analisi dei consumi Nielsen nel periodo di Pasqua durante la pandemia

DATI NIELSEN

Gdo, in aumento i consumi a Pasqua (+2,2 %). Star del carrello gli ingredienti per fare i dolci in casa. Per colombe (-50,4%) e uova pasquali (-33,4%) vendite in caduta verticale. Continua l’exploit a tripla cifra per farine (+176%), lievito (+217,4%), mascarpone (+155,6%) e ingredienti per pasticceria (+149,3%)

Fonte originale: Il Sole 24 Ore, 10 aprile 2020

A casa o al supermercato. Questa la vita degli italiani nell’ultimo mese.

A beneficiare delle restrizione imposte dalla pandemia da Covid-19 le vendite della grande distribuzione registrate tra il 30 marzo e il 5 aprile, in crescita rispetto allo stesso periodo del 2019, e con un trend in linea con la settimana precedente: +2,2%. I dati sono di Nielsen Connect Italia, che evidenzia come per la terza settimana sia il Nordest a registrare gli incrementi più alti su base tendenziale: +5,9%, seguito subito dal Sud (+5,8%). Rimangono stabili il Nordovest (+0,3%) e il Centro (-0,5%).

“Con l’avvicinarsi della Pasqua – spiega Romolo de Camillis, direttore Retailer Service di Nielsen Connect in Italia – continuano ad aumentare i prodotti base con cui si preparano pasta, pizza e dolci caserecci e fino alla fine della quarantena i piccoli negozi di vicinato e le opzioni di e-commerce e click & collect rimarranno i favoriti”. Rispetto ai format distributivi, bene liberi servizi (+36,0%), supemercati (+14,2%) e discount (+4,5%). Male invece specialisti drug (-22,2%) e ipermercati (-16,3%) come nelle ultime settimane.

Colombe artigianali, la chiusura delle pasticcerie «vale» un fatturato di 540 milioni
SCOPRI DI PIÙ

Ma il lockdown prolungato si riflette anche sulle vendite dei dolci tipici di questa festività. Le famiglie acquistano i prodotti per fare i dolci in casa e non comprano più le colombe. Nelle ultime 4 settimane ne sono state vendute circa la metà: 5,4 milioni di confezioni, rispetto agli 11 milioni dello scorso anno (-50,4%). In calo anche le uova di cioccolato: ne sono state acquistate solo 10,1 milioni. Nello stesso periodo pre-Pasquale dell’anno scorso la cifra era di 15,3 milioni (-33,9%). Le star nel carrello secondo i dati Nielsen rilevati nella settimana 30 marzo-5 aprile sono ancora: lievito di birra (+217,4%), farine (+176%), mascarpone (+155,6%), ingredienti per pasticceria .

Effetto stock e comfortfood
In aumento anche i beni da dispensa come caffè macinato (+20,0%), conserve rosse (+37,3%), olio di semi (+40,6%), biscotti (+9,0%), pasta (+9,6%), conserve animali (+10,3%), riso (+15,2%), vegetali conservati (+16,0%), la carta casa (+21,0%), i detergenti lavastoviglie (+19,1%) e carta igienica (3,8%). L’effetto “prevenzione e salute” ha influito su guanti (+124,5%), detergenti superfici (+29,1%), sapone per le mani solido e liquido (+41,2%), candeggina (+35,6%), alcol denaturato (+128,9%), salviette umidificate (+15,3%).

L’effetto “resto a casa” ha impattato infine anche su uova di gallina (+50,7%), burro (+69,5%), zucchero (+40,1%), panna Uht (+29,5%), lievito di birra (+217,4%), margarina (+80,4%); cresce anche il comfort food, quindi creme spalmabili dolci (+63,4%), tavolette di cioccolato (+21,7%), miele (+51,6%), patatine (+16,9%), vaschette di gelato (+22,5%), olive (+15,3%), pop-corn (+70%). Continuano anche i trend positivi di vino (+19,1%) e birre alcoliche (+18,5%).

Leave a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*
*