Login

Lost your password?
Don't have an account? Sign Up

Abitudini social degli Italiani 2020

Negli ultimi mesi, gli Italiani (e non solo) si sono trovati ad affrontare la pandemia da Coronavirus vivendo una situazione totalmente nuova e sconosciuta, che ha portato tutti noi ad adattarci a nuove abitudini e a scoprire nuove routine e attività, come per esempio la cucina, la beauty routine e molte altre.

I social sono diventanti soprattutto quest’anno, ancora di più durante il lockdown, il luogo dove gli Italiani fanno sentire la propria voce: dal 24 febbraio al 19 aprile, Blogmeter ha raccolto 48,2 milioni di conversazioni e 835,7 milioni di interazioni sul tema Coronavirus.

Si tratta di un’incredibile mole di dati, una vera e propria miniera d’oro di insights relativi alle nuove abitudini e ai nuovi bisogni e preferenze degli Italiani che è importante analizzare e interpretare correttamente. Cosa possiamo capire dalle conversazioni degli Italiani sui social? Quali sono le nostre nuove abitudini di consumo?


Mai più senza social

I social, che anche prima del lockdown erano parte integrante nella nostra vita, ricoprono il ruolo di compagni fondamentali nella nostra quotidianità: Facebook, Instagram, Twitter e YouTube sono stati, come mai prima d’ora, fonte di informazione, strumenti per restare in contatto con familiari, amici, colleghi, e luoghi dove trovare spunti per passare in maniera nuova, creativa e costruttiva il tempo ritrovato.

Le conversazioni giornaliere sono davvero notevoli: 860 mila total messages, in media.

trend

Facebook e Instagram sono le fonti più utilizzate

Parlando dei “luoghi social” (le cosiddette fonti) in cui avvengono le conversazioni, Facebook è sul primo gradino del podio, ospitando quasi il 51% delle conversazioni totali. Si va su Facebook prevalentemente per commentare notizie di cronaca o di politica ed esprimere le proprie opinioni.

Overview_Source-type_22-04-2020

Se osserviamo l’engagement, la situazione si ribalta: Instagram diventa la prima fonte, seguito da YouTube che, grazie alle visualizzazioni di video dedicati alle news, ottiene quasi il 30% delle interazioni totali.

Sources_Type_Engagement_22-04-2020

Analizzando il dettaglio delle fonti che generano il maggior coinvolgimento, troviamo soprattutto pagine Facebook di news nazionali e locali (Fanpage.it, La Repubblica, Tgcom24) e giornalisti (Enrico Mentana), seguiti dalle pagine di leader e partiti politici.

authors 1
authors 2

Instagram, invece, è il social preferito per veicolare il messaggio “visivo”, dove gli Italiani pubblicano foto e video per mostrare come stanno trascorrendo il tempo in quarantena. Per quanto riguarda gli autori più coinvolgenti su Instagram, emerge con maggior forza la dimensione di intrattenimento di questo social: oltre ai canali di news, molto attivi, compaiono diversi profili comici, come @tmlplanet, @gliautogol e influencer e social icon come @vallibeatrice e @barbaracarmelitadurso.

Come sono cambiate le abitudini degli italiani?

Il periodo del lockdown ha condotto a un profondo mutamento delle abitudini degli italiani, rappresentando una scossa nella normalità, forzando tutti a uscire dal nostro status quo e portandoci a fronteggiare una discontinuità nelle nostre abitudini e a trovare nuove consuetudini.

quadrato_abitudini

Tre sono i comportamenti che si verificano quando lo status quo viene interrotto, in questo caso in maniera traumatica e universale:

  • Si trovano nuove soluzioni ai soliti bisogni: se prima mi recavo all’Esselunga o alla Coop a fare la spesa, la ordino online con consegna a domicilio; acquisto i miei vini preferiti su uno store online specializzato, come Tannico
  • Si prova qualcosa di nuovo: sia grazie al tempo ritrovato sia per un bisogno di gratificazione, provo a fare la pizza fatta in casa, compro l’occorrente per gli aperitivi casalinghi o mi tingo da sola i capelli di un colore appariscente
  • Si sperimentano nuove soluzioni che diventano abitudini: la spesa a casa è talmente comoda che usufruirò di questo servizio anche quando torneremo ad uscire, oppure ho scoperto che il sapore del pane fatto in casa è talmente buono da continuare con l’autoproduzione anche nei prossimi mesi.

Diventa quindi indispensabile per le aziende monitorare questi nuovi bisogni e abitudini dei consumatori per mettere in atto le strategie migliori per entrare in contatto con la “nuova normalità” degli italiani.

Nuove soluzioni che diventeranno abitudini: la consegna a domicilio

Che la consegna a domicilio sia davvero il nuovo trend risulta evidente sui social, dove genera quasi il doppio delle conversazioni rispetto a quelle che riguardano gli acquisti online (98,86K vs 46,28K).

Tra gli hashtag più menzionati nella word cloud (oltre a termini relativi alla speranza, come #andratuttobene e #celafaremo) troviamo #consegnaadomicilio, passato da essere una comodità e un lusso (prima del lockdown) a un servizio indispensabile per molti italiani e una soluzione per i ristoratori, negozi di prossimità ed esercizi commerciali costretti a chiudere al pubblico.

cloud_ok

Sono svariate le nuove soluzioni nate per permettere il proseguimento delle attività nel rispetto delle norme di distanziamento e nella massima tutela dei lavoratori.

Ne sono un esempio le piattaforme “comprodacasa”, “iorestoacasa.delivery” o il nuovo servizio “Consegna e ritira” di Satispay, che consente ai negozianti iscritti di ricevere gli ordini e concludere le transazioni direttamente tramite l’app.

I social mostrano anche come diverse amministrazioni locali si siano attivate per supportare le attività commerciali e agevolare la vita dei cittadini, promuovendo o condividendo le liste degli esercizi che offrono il servizio di consegna a domicilio.

tweet_montevarchi

L’analisi è stata effettuata utilizzando il modulo Social Listening della Blogmeter Suite. Sono state analizzate le conversazioni provenienti da fonti quali: Facebook, Instagram, Twitter, YouTube, Blog, siti di News, Forum, nel periodo dal 9 marzo al 15 aprile 2020, e che contenessero il termine coronavirus (nelle sue diverse declinazioni: COVID19, “corona virus”, ecc). Tramite la clusterizzazione dei topic, inoltre, sono analizzate le conversazioni relative a termini legati a alla consegna a domicilio. Non è stato possibile monitorare su Instagram gli hashtag #coronavirus, #covid19 e #covid perché la stessa piattaforma blocca i contenuti contenenti questi hashtag e mostra al loro posto un disclaimer del Ministero della Salute Italiana.

Serve aiuto?

Se l’articolo ti è piaciuto ma ancora non ti senti pronto per iniziare da solo una campagna pubblicitaria online di marketing, allora perchè non richiedi a Marketing 4 PMI una consultazione gratuita.

Solo se poi ti convincerà la nostra professionalità, potrai farti assistere dal consulente Marketing 4 PMI; il tutto in piena libertà e senza vincoli.

Leave a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*
*